Nell’ambito di Itinerari di letteratura, dodicesima edizione 2016, il giorno 4 giugno, alle ore 17,30, si terrà un incontro con Giorgio Falco e Sabrina Ragucci, autori di Condominio Oltremare (L’orma 2014): il libro, coniugando immagini e testi, dell’artista Sabrina Ragucci, alla scrittura tersa e fortemente imperniata sulla visività, di Giorgio Falco, realizza un’inchiesta romanzesca sul problema della devastazione del paesaggio storico e naturale italiano. In questo senso, l’operazione si presenta come erede di quelle di Calvino e Biamonti, raggiungendo esiti di altissima qualità letteraria. A introdurre gli autori (si ricorda che Falco, autore Einaudi e Laterza, è vincitore del Premio Alassio, del Premio Volponi e dei Premi Mondello e Supermondello) ci sarà Paolo Zublena, docente di Linguistica italiana presso l’Università di Milano-Bicocca.

fotografia e allestimento di Sabrina Ragucci

Questa settimana sul Fuoribordo con pagina99 in edicola, un racconto sul nuovo groviglio autostradale lombardo, di Giorgio Falco. Ne discute in questa chiacchierata radiofonica con il curatore dell’inserto Alessandro Leogrande
http://www.pagina99.it/2016/05/06/su-fuoribordo-per-un-casello/

Linea di Confine
per la Fotografia Contemporanea

L’Ospitale, Via Fontana 2 Rubiera, Reggio Emilia
Domenica 8 Maggio 2016
Sala bachi – 0re 10,00/13,00
Seminario
Le “strade” della fotografia
Il progetto interdisciplinare fra fotografia, letteratura e urbanistica

Conduce Stefano Munarin (urbanista, IUAV Venezia)

Giulio Iacoli (docente e critico letterario, Università di Parma)
Aggiornamenti sul ruolo generatore della via Emilia. Tensioni territoriali, vita quotidiana, racconto

Giorgio Falco (scrittore) e Sabrina Ragucci (artista e curatrice):
Una persistente febbriciattola
Antonello Frongia (storico della fotografia, Università Roma 3):
Piccola apologia del fuorimano (e qualche idea per una storia integrata della fotografia dei luoghi “marginali”)

William Guerrieri (curatore e fotografo)
Post-documentario e montaggi di rappresentazioni

Guido Guidi (fotografo)
Per strada

Marco Guerzoni (politiche abitative, Comune di Bologna)
Abitare sociale. Un’indagine fotografica per Bologna

Per informazioni:
linconfine@comune.rubiera.re.it
http://www.lineadiconfine.org
@LdConfine

Incontro con lo scrittore Giorgio Falco, il primo ospite della rassegna di incontri della Biblioteca comunale Vilma Preti

7 maggio a Sala Baganza, alle 17.00 . Ingresso gratuito. Seguirà aperitivo

 

Venerdì_Falco

Lunch and talk with Giorgio Falco

2016-04-23
Data:23/04/2016
Goodbye Dolce Vita

Lunch and talk with Giorgio Falco

Giorgio Falco is an Italian writer. He debuted with the collection of short stories Pausa Caffè (Sironi editore, 2004). Then he published the collection L’ubicazione del bene (Einaudi, 2009) and the novels La compagnia del corpo (Duepunti edizioni, 2011) and La gemella H (Einaudi, 2014), winner of many awards including the prizes “Mondello Opera Italiana” and “Volponi”. Among his latest work, Condominio Oltremare (L’orma editore, 2014), written with Sabrina Ragucci, and Sottofondo italiano (Laterza, 2015).

 

 

http://www.iiclondra.esteri.it/iic_londra/it/gli_eventi/calendario/2016/04/lunch-and-talk-with-giorgio-falco.html

Falco e Maino

Per Ora D’Aria Letteraria, presso la Sala dell’Antiquarium (Torre Orologio) in Riviera Guglielmo Marconi a Loreo (RO), sabato 19 settembre alle nove e mezzo di sera mettiamo a fronte le due scritture, quella di Maino e quella di Falco, in un dialogo sulle pratiche della letteratura.

C’è un fronte in letteratura, intimo e collettivo, per ogni autore; è quello sul quale si tiene la scrittura davanti al mondo. Con una lingua “viva, penetrante, mercuriale” — il tricolon che Fellini, chiedendolo a Zanzotto, cercava per il dialetto di “Casanova” — Francesco Maino traccia il proprio confine di resistenza in un Veneto deturpato e biliosamente amato, insistendo sulla linea di quei maiores — i Piovene, i Parise, i Meneghello e gli altri — che questo confine di resistenza lo hanno eretto. Giorgio Falco, sempre implacabile e angoscioso, descrive e quindi denuncia la potenza incontrastabile di un male onnipotente perché inavvertito, ponendo il proprio fronte di contrasto a una lingua tanto finta — con i suoi lacerti di sindacalese, di giornalese, di brigatese, di idioletti appiccicati come pelli artificiali messe su corpi linguistici in disfacimento — quanto suasiva; un italiano di sottofondo.

——.
Giorgio Falco è nato nel 1967. Pausa caffè è il suo primo libro edito nel 2004 da Sironi, finalista al Premio Chiara nel 2005. Ha pubblicato in varie antologie, tra cui Euforie curata da Giulio Mozzi e Marina Bastianello (Edizioni Il Poligrafo, 2001) e I racconti del capanno (DeriveApprodi, 2006). Per Einaudi pubblica nel 2009 L’ubicazione del bene, con il quale vince il Premio Pisa. Del 2011 è La compagnia del corpo, Duepunti edizioni. Con La gemella H (2014) edito da Einaudi vince, tra gli altri, il Premio Mondello Opera Italiana, il SuperMondello e il Premio Volponi. Nel 2014 esce per L’orma editore Condominio Oltremare (con Sabrina Ragucci), e quest’anno Sottofondo italiano per la nuova collana Solaris di Laterza.

Francesco Maino è nato nel 1972 a Motta di Livenza, nella Marca Trevigiana. Oggi risiede a San Donà di Piave e fa l’avvocato penalista a Venezia. Cartongesso (Einaudi 2014), premiato con il Calvino, è il suo primo libro.